Santa Maria degli Angeli


S. Maria degli Angeli - affresco

Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

Santa Maria degli Angeli 41.685934, 13.251513 La chiesa di S. Maria degli Angeli nella prima metà del XVI secolo fu eretta sulla \"Cona degli Angeli\" dai Carmelitani, che la ricevettero dall\' Ospedale dello SpiritoSanto di Ferentino; venne ristrutturata nel secolo XVII. La chiesa è ad una sola navata con parete absidale rettilinea, volta a crociera sul presbiterio e tetto a capriate lignee nell\' aula destinata ai fedeli. Di stile rinascimentale è l\' architettura dell\' ancona addossata all\' abside. Affreschi di età moderna (secc. XVI-XVII), scoperti durante i restauri del 1980-82, ornano le pareti laterali del presbiterio e il centro dell\' ancona absidale.L\' affresco della parete absidale (sec. XVI) rappresenta la Vergine tra S. Giovanni Battista con l\' agnello a sinistra, S. Domenico di Guzman a destra; sulla sommità del dipinto domina lo stemma dei Domenicani. Gli affreschi esistenti sulla parete sinistra del presbiterio appartengono al periodo in cui la chiesa venne tenuta dai Carmelitani. L\' altare a mensa ha come sostegno un\' antica base romana, che reca sulla fronte l\' iscrizione dedicatoria \"Q·BABULLIO·Q·LIBERT(O)/EPAPHRODITO\".1      1 A Quinto Babullio Epafrodito, Liberto di Quinto (CIL X,5869)

La chiesa di S. Maria degli Angeli nella prima metà del XVI secolo fu eretta sulla “Cona degli Angeli” dai Carmelitani, che la ricevettero dall’ Ospedale dello SpiritoSanto di Ferentino; venne ristrutturata nel secolo XVII.
La chiesa è ad una sola navata con parete absidale rettilinea, volta a crociera sul presbiterio e tetto a capriate lignee nell’ aula destinata ai fedeli. Di stile rinascimentale è l’ architettura dell’ ancona addossata all’ abside. Affreschi di età moderna (secc. XVI-XVII), scoperti durante i restauri del 1980-82, ornano le pareti laterali del presbiterio e il centro dell’ ancona absidale.L’ affresco della parete absidale (sec. XVI) rappresenta la Vergine tra S. Giovanni Battista con l’ agnello a sinistra, S. Domenico di Guzman a destra; sulla sommità del dipinto domina lo stemma dei Domenicani.
Gli affreschi esistenti sulla parete sinistra del presbiterio appartengono al periodo in cui la chiesa venne tenuta dai Carmelitani.
L’ altare a mensa ha come sostegno un’ antica base romana, che reca sulla fronte l’ iscrizione dedicatoria “Q·BABULLIO·Q·LIBERT(O)/EPAPHRODITO”.1

 
 
 
 
1 A Quinto Babullio Epafrodito, Liberto di Quinto (CIL X,5869)