Cronotassi


Vescovi di Ferentino


Concordio ? (316)
Basso (487 – 499)
Innocenzo (501 – 504)
Bono (556)
Luminoso (595 – 601)
Bonito (649)
Agnello (721)
Stefano I (761)
Sergio (769)
Giovanni I (796 – 826)
Adriano (853)
Pietro I (861)
Giovanni II (867)
Stefano II (879)
Benedetto I (942)
Romano (963)
Ignizzo (969)
Domenico I (993)
Alfrido (998)
Placido I (1001)
Benedetto II (1012)
Alessandro I (1059)
Roberto (1061)
Placido II (1082)
Agostino (1106 – 1111)
Placido III (1111 – 1131)
Siro (1130- 1138) (antivescovo)
Trasmondo (1138 – 1148 deceduto)
Ubaldo (1148 – 1160 deposto)
Rodolfo (1161 – 1191 deceduto)
Berardo (1191 – 1203 deceduto)
Alberto I (1203 – 1209)
Landolfo I (1222)
Donato (1229 – 1241)
Giacomo I, O.F.M. (1244 – 1254 deceduto)
Ridolfo ? (1254)
Matteo I (1266)
Giacomo II, O.P. (1276 – 1290 deceduto)
Landolfo II Rossi (1298 – 1303 deceduto)
Berardo(Bartolomeo) (1304)
Filippo II (1319 – deceduto)
Matteo II (1344 – ?)
Filippo III (1348 – 1350 deceduto)
Pietro Ruggeri (1348 – deceduto)
Dionigi I, O.E.S.A. (1364 – 1364 nominato vescovo di Ariano)1
Alberto II, O.E.S.A. (1374 – 1392 deceduto)
Gilberto, O.F.M. (1379 – deceduto) (antivescovo)
Angelo, O.F.M. (1395) (antivescovo)
Giovanni Panella (1392 – 1395 nominato arcivescovo di Durazzo)
Nicola Vincioni (1395 – 1409 deposto)
Francesco Antonio Sisti, O.F.M. (1409 – 1433 deceduto)
Angelo (1409) (antivescovo)
Gregorio (1409) (antivescovo)
Antonio Boccabella, O.F.M. (1435 – 1445 deceduto)
Giovanni IV, O.S.A. (1445 – deceduto)
Andrea De Laurenzi (1453 – 1498 deceduto)
Pietro De Fenestrosa (1498 – 1499 deceduto)
Francesco Fillipperi (1499 – 1510 deceduto)
Tranquillo De Macarazzi (1510 – 1548 deceduto)
Sebastiano Antonio Pighini (o Pighi) (1548 – 1550 nominato arcivescovo di Manfredonia)
Dionigi Roberti, O.S.M. (1550 – 1554 nominato arcivescovo di Manfredonia)
Aurelio Tibaldeschi (1554 – 1584 deceduto)
Silvio Galassi (1585 – deceduto)
Orazio Ciceroni (1591 – 1603 deceduto)
Fabrizio Campi (1603 – 1605 deceduto)
Dionigi Morelli (1605 – 1612 deceduto)
Ennio Filonardi (1612 – 1644 deceduto)
Enea Spennazzi (1644 – 1658 deceduto)
Ottavio Roncioni (1658 – 1676 deceduto)
Giovan Carlo Antonelli (1677 – 1694 deceduto)
Valeriano Chierichelli o Cierchielli (1694 – 1718 deceduto)
Simone Gritti (1718 – 1729 nominato vescovo di Acquapendente)
Fabrizio Borgia (1729 – 1754 deceduto)
Pietro Paolo Tosi (1754 – 1798 deceduto)
Nicola Buschi (1800 – 1813 deceduto)
Luca Amici (1815 – 1818 deceduto)
Gaudenzio Patrignani, O.F.M. (1818 – 1823 deceduto)
Giuseppe-Maria Lais (1823 – 1836 deceduto)
Vincenzo Macioti (1836 – 1840 deceduto)
Giovanni Battista Canale (1840 – 1842 nominato arcivescovo titolare di Colossi)
Antonio Benedetto Antonucci (1842 – 1844 nominato arcivescovo titolare di Tarso)
Bernardo Maria Tirabassi (1845 – 1865 deceduto)
Gesualdo Vitali (1865 – 1879 deceduto)
Pietro Facciotti (1880 – 1897 dimesso)
Domenico Bianconi (1897 – 1922 deceduto)
Alessandro Fontana (1922 – 1941 deceduto)
Tommaso Leonetti (1942 – 1962 nominato arcivescovo di Capua)
Costantino Caminada (1962 – 1972 deceduto)
Umberto Florenzani (1973 – 1973 nominato vescovo di Anagni)

Il 21 dicembre 1973, con la nomina del vescovo Michele Federici, le due diocesi di Veroli-Frosinone e di Ferentino furono unite in persona episcopi

Vescovi di Frosinone-Veroli-Ferentino


Michele Federici (1973 – 1980 deceduto)
Angelo Cella, M.S.C. (1981 – 1999 ritirato)
Salvatore Boccaccio (1999 – 2008 deceduto)
Ambrogio Spreafico, succeduto il 18 ottobre 2008

(antivescovo) = indica un pretendente all’ordinazione episcopale, appoggiato da un seguito significativo e quasi sempre in contrasto con un vescovo o arcivescovo già nominato, la cui elezione sia stata successivamente dichiarata nulla dalla Chiesa cattolica.
È una figura che appare in molte diocesi cattoliche durante il periodo medievale della lotta per le investiture. Spesso accadeva che il Capitolo dei Canonici di una città fedele all’Imperatore
rigettasse il prelato scelto dal Papa, eleggendone uno proprio e costringendo quasi sempre alla fuga il legittimo detentore del diritto episcopale.

1Dionigi fu nominato a Ferentino perché si credeva fosse morto Pietro Ruggeri; accertato l’errore, fu trasferito ad Ariano.