Enzo Arduini


Enzo Arduini
In circa 30 anni, si è fatto un nome a livello sia nazionale che internazionale e può considerarsi nel novero degli artisti di successo più richiesti in Germania. Non solo pittore
ma anche scultore freelance, Arduini vive fin dal 1972 a Monaco di Baviera, ma ha sempre una grande nostalgia dell’Italia, sua terra natale. Gli piace farsi ispirare dalla bellissima terra
Toscana. Nato nel 1952 a Ferentino, Enzo Arduini studiò pittura sotto la guida del Prof. Giuseppe Modica e Adolfo Loreti presso il Liceo Artistico di Frosinone. Frequentò l’Accademia di Belle
Arti di Roma, continuando i suoi studi di pittura e scultura alla scuola dei famosi artisti Avenali, De Chirico, Renato Guttuso e Pericle Fazzini. Anche a Roma, lavorò due anni da Bertolini.

Enzo at work Le opere dell’artista prendono come punto di riferimento il neo-espressionismo, seguendo lo stile arcaico con delle forme chiare, fluide e tranquille, spesso molto suggestive. Arduini infonde sempre alle sue opere un’espressività emotiva cosicché fanno risvegliare delle emozioni forti nello spettatore. I quadri si rianimano, dimostrando profondità, muovendosi e diventando così parte sia di lui stesso che del suo ambiente. L’arte di Enzo Arduini ha un effetto sorprendente e misterioso, costantemente nuova e vivace, senza essere penetrante o provocatoria. Le sue opere hanno una forza espressiva allo stesso tempo stimolante e rilassante.

Arduini è uno dei pochi artisti che preparano ancora da soli i loro colori secondo la tradizione dei Vecchi Maestri. Da qui derivano dei risultati impressionanti. Colori caldi, linee dolci e armoniose, pennellate piene di slancio con colori intensi – attraverso la silhouette di una figura, perlopiù solo accennata, lo spettatore si lascia ispirare a sviluppare un’immaginazione e una fantasia personale. I colori scelti da Arduini aumentano la forza di espressione e servono quindi non solo a colorire.
Si scoprono spesso un blu intenso e diverse tonalità di rosso. Ma anche colori pastelli come celeste, giallo e lila si presentano sempre di nuovo. Siccome Enzo Arduini fa costantemente ricorso ai colori complementari, la loro scelta sembra essere equilibrata e molto armoniosa. Allo stesso tempo danno intensità e impulsività. Nel circolo dei colori, quelli complementari sono collocati l’uno di fronte all’altro e la combinazione di due qualsiasi fra loro dà come risultato bianco o nero.

Enzo Arduini si trova sempre alla ricerca di nuove possibilità ed è molto interessato alla realizzazione di idee artistiche con diversi materialie diverse tecniche. Ad oggi ha già creato una vasta gamma di opere: sculture di legno, bronzo, marmo, porcellana, ceramica,oro o argento. – nonché quadri fatti utilizzando colori ad acrilico, ad olio, ad acqua, quadri che lui stesso ha messo in cornici, placcandole o d’oro o d’argento. Arduini preferisce adoperare carta fatta a mano o tela resistente. Gli piace lavorare su delle grandi superfici.

L’artista fabbrica dei pezzi unici per gioielli esclusivi e inconfondibili in oro, in argento, in oro bianco e ornati di belle gemme o di perle soffiate come nell’ antichità classica. Da richieste speciali, di un Cristo o di una pietra tombale, hanno preso vita delle bellissime opere d’arte individuali.
Anna Arduini