Filastrocche




swirl01
I GIOCHI
swirl02

filastrocca recitata da un adulto che portando un bambino a cavalcioni lo coinvolgeva affinchè rispondesse correttamente alla domanda :

A cava a cavallitto
dugli papa quantu corna tè la crapa?
Tre…..
….. Si quattro fussi dittu
staremmu ‘n’cavallittu
‘n’cavallittu duglí papa
quantu corna tè la crapa?
A cava cavalcioni
del papa quante corna ha la capra?
Tre…..
….. Se avessi detto quattro
staremmo a cavalcioni
a cavalcioni del papa
quante corna ha la capra?
swirl03

veniva recitata toccando alternativamente le dita della mano di un bambino per farlo sorridere:

Trinzu trinzu carucarinzu
ricchi i trocchi zuzzumino
la gallina zoppa
nun magna nun beve i nun cròcca;
figli scummissi
jètta ‘n tèra ca so quadrissi.
Trinzu trinzu carucarinzu
ricchi i trocchi zuzzumino (suoni onomatopeici)
la gallina zoppa
non mangia non beve e non cròcca (?);
figli scommessi
metti in terra che sono quadrissi (?).
swirl03
Cummà!! E’ cottu lu panu ah ?
– no è mezzo abbruciatu
– chi l’abbruciatu?
– Ncécca
Povera Ncécca
in mezzo alle catene soffre le pene del purgatò
Cummà!! E’ cottu lu panu ah ?
– no è mezzo abbruciatu
– chi l’abbruciatu?
– Ncécca
Povera Ncécca
in mezzo alle catene soffre le pene del purgatò
Comare!! E’ cotto il pane eh ?
– no è mezzo bruciato
– chi l’ha bruciato?
– Francesca
Povera Francesca
in mezzo alle catene soffre le pene del purgatorio
Comare!! E’ cotto il pane eh ?
– no è mezzo bruciato
– chi l’ha bruciato?
– Francesca
Povera Francesca
in mezzo alle catene soffre le pene del purgatorio
swirl03

gioco da ragazzi consistente nel mandare dentro un buco un nocciolo di pesca , spingendolo con un colpo dell’ indice o del pollice della mano destra e dicendo:

Zipitína zipitana
atterra alla fossa
atterra alla tana
atterra alla fossa
du zia Gaitana
Zipitína zipitana
giù nella fossa
giù nella tana
giù nella fossa
di zia Gaetana
swirl03
Regina reginella
quanti passi mi darai
per arrivare al tuo castello
con la fede e con l’anello
con la punta di un coltello?
Regina reginella
quanti passi mi darai
per arrivare al tuo castello
con la fede e con l’anello
con la punta di un coltello?
swirl03
Semplice uno
semplice due
semplice tre
composto uno due tre
zoppetto uno due tre
mano veste uno due tre
mano fianco uno due tre
mano spalla uno due tre
mano capelli uno due tre
mano testa uno due tre
Madonnína uno due tre
arlecchino uno due tre
pulcinella uno due tre
Semplice uno
semplice due
semplice tre
composto uno due tre
zoppetto uno due tre
mano veste uno due tre
mano fianco uno due tre
mano spalla uno due tre
mano capelli uno due tre
mano testa uno due tre
Madonnína uno due tre
arlecchino uno due tre
pulcinella uno due tre
swirl03
Muvennumu
mu stòngu firmu
cu nu pèdu
cu na màni
a batti màni
a lu ziculu zacu
al violino
cu nu baci
toccu terra
toccu coru
nu bacino d’amore
Muovendomi
resto fermo
con un piede
con una mano
a battimano
a lu ziculu zacu
al violino
con un bacio
tocco terra
tocco cuore
un bacino d’amore
swirl03
Luccica luccicantella
vettene attèra alla bambinella
alla bambinella dugli re
n’acchiappu una dui i tre
Lucciola lucciola
vieni giù dalla bambina
dalla bambina del re
ne prendo una due e tre
swirl03

swirl01
LE CONTE
swirl02

Gli papa ha jíto a Roma
cu gli sacco i culla cróna,
su porta la bisaccia
su porta la buraccia
porta ‘n saccòccia
lu casu i la stoccia
tu si ditta la bucia
iésci fora dalla cumpagnia
Il papa è andato a Roma
con il sacco e con la corona,
si porta la bisaccia
si porta la borraccia
porta in tasca
il formaggio e la stozza
tu hai detto la bugia
esci fuori della cumpagnia
swirl03
Anghingò
tre galline tre cappò
per andare alla cappella
c’era ‘na ragazza bella
che sonava ventitrè
unu dui tre
unu dui tre
Anghingò
tre galline tre capponi
per andare alla cappella
c’era una ragazza bella
che suonava ventitrè
uno due tre
uno due tre
swirl03
Véngu da Gerusalemme
senza ridu i senza piagni
tuttu pu colpa mia
tuttu pu colpa mia
Vengo da Gerusalemme
senza ridere e senza piangere
tutto per colpa mia
tutto per colpa mia
swirl03
Allònga allònga alla crustina
chi sta ‘ncima alla Chiuvina?
– Dio
– che sta a cògli?
– rose i fiuri
– a chi gli porta?
– alla Madonna
– che ha fattu?
– nu figli maschi
accommu alluma?
– accommu a nu barbalettu…
(tutti) jamo, jamugli a udé
ca è gli figli duglí re
Allunga allunga alla crestina (?)
chi sta sopra alla Giovina (frazione di Ferentino)?
– Dio
– che cosa sta raccogliendo?
– rose e fiori
– a chi li porta?
– alla Madonna
– che cosa ha fatto (partorito)?
– un figlio maschio
– come illumina?
– come un barbaletto(?)…
(tutti) andiamo, andiamo a vederlo
perchè è il figlio del re
swirl03
Ambarapà
ciccì coccò
tre galline sul comò
che facevano l’amore
con la figlia del dottore
il dottore s’ammalò
ambarabà ciccì coccò
Ambarapà
ciccì coccò
tre galline sul comò
che facevano l’amore
con la figlia del dottore
il dottore s’ammalò
ambarabà ciccì coccò
swirl03
Zica d’acqua
zica d’acitu
vattigli a fa nu bunudici
cucculù chè
cucculù chè
iésci fòra
ca tocca a te
Un pò d’acqua
un pò d’aceto
vai a farteli benedire
cucculù chè
cucculù chè
esci fuori
che tocca a te
swirl03
A conca a cunculina
chi l’ha fatta la sente prima
l’ha fatta gli ricci pantanu
andò s’apponta chesta manu
l’ha fatta gli ‘mpunitu
andò s’apponta chistu ditu?
A conca a concolina
chi l’ha fatta la sente prima
l’ha fatta il riccio pantano
dove si ferma questa mano
l’ha fatta l’ impunito
dove si ferma questo dito?
swirl03

swirl01
PER I PEGNI DI GIOCO
swirl02

Véngu da Gerusalemme
senza ride i senza piagni
tuttu pu colpa mia
tuttu pu colpa mia
Vengo da Gerusalemme
senza ridere e senza piangere
tutto per colpa mia
tutto per colpa mia
swirl03
Allònga allònga alla crustina
chi sta ‘ncima alla Chiuvina?
– Dio
– che sta a cògli?
– rose i fiuri
– a chi gli porta?
– alla Madonna
– che ha fattu?
– nu figli maschi
– accommu alluma?
– accommu a nu barbalettu…
(tutti) jamo, jamugli a udé
ca è gli figli duglí re
Allunga allunga alla crestina (?)
chi sta sopra alla Giovina (frazione di Ferentino)?
– Dio
– che cosa sta raccogliendo?
– rose e fiori
– a chi li porta?
– alla Madonna
– che cosa ha fatto (partorito)?
– un figlio maschio
– come illumina?
– come un barbaletto(?)…
(tutti) andiamo, andiamo a vederlo
perchè è il figlio del re
swirl03

swirl01
PER I BAMBINI
swirl02

Cantilena per far sorridere un bambino facendogli solletico nel palmo della mano

‘Nncima a chésta piazza
ci stà ‘na pecora pazza
che fa mè… mè… mè…
Sopra questa piazza
c’è una pecora pazza
che fa mè… mè… mè…
swirl03

veniva eseguita facendo saltellare il bambino e simulando infine la caduta

Sedia sediola
stu uttro va alla scòla
su porta gli canistrinu
pínu pinu du ròbbu finu
la maestra ci fa festa
i gli jètta dalla finestra.
Sedia sediola
questo bimbo va a scuola
si porta il cestino
pieno pieno di cose fini
la maestra gli fa festa
e lo getta dalla finestra.
swirl03

eseguita mentre si dondola il bambino sulle ginocchia

Seta muléta
lu donnu du Gaeta
cu filunu la seta
la seta i la bammaci
a stu uttru chi ci piaci?
ci piaci Giuagni
ca fa cantà gli gagli
gli gagli i lu gallinu
cu tutti gli pucíni.
Seta muléta (?)
le donne di Gaeta
che filano la seta
la seta e la bambagia
chi piace a questo bimbo?
gli piace Giovanni
perchè fa cantare il gallo
il gallo e le galline
con tutti i pulcini.
swirl03

questa è per permettere l’ apprendimento di nuove parole

Chésta è la fronte cristallina
chistu è gli occhi begli
chistu è gli fratégli
chistu è nu piru
chistu è nu mílu
chesta è la barba dugli cappuccini
chesta è la chiesa dugli frati
chesta è la campana che fa din don.
Questa è la fronte cristallina
questo è l’ occhio bello
questo è il fratello
questo è un pero
questo è un melo
questa è la barba dei cappuccini
questa è la chiesa dei frati
questa è la campana che fa din don
swirl03

la seguente , invece, per migliorare i movimenti

Pizza pizza a tàta
a mamma la frittàta
a tàta gli papponu
i a stu uttru
nu begli schíaffónu
Pizza pizza a papà
a mamma la frittàta
a papà la polenta
e a questo bimbo
un bello schíaffone
swirl03

veniva eseguita dondolando la bambina sulle ginocchia

Creta muneta
lu femmuno so du seta
gli omminí so du stóppa
i Maria è ‘na pallòcca
Creta moneta
le donne sono di seta
gli uomini sono di stoppa
e Maria è una pallottola
swirl03
Addumano è festa
la pupa alla finestra
gli sorgí stà a ballà
i la gatta a cucinà
Domani è festa
la bimba alla finestra
il sorcio sta ballando
e la gatta cucinando
swirl03

serviva ad insegnare al bambino a riconoscere le dita

Chistu è ditoditóne
chístu è leccapappóne
chistu dici jamo a rubbà
chistu dici jamo a pranzà
chistu è ‘n poru ragazzettu
cu rucunzola tutti i quattru
pipi zi mattè, pipì zi Mattè
Questo è dito ditone
questo è lecca polenta
questo dice andiamo a rubare
questo dice andiamo a pranzare
questo è un povero ragazzetto
che riconsola tutti i quattro
pipi zio matteo, pipì zio Matteo
swirl03

un modo per giocare col bambino facendogli solletico

Mèh… mamma nun c’è
ha jta alla vigna
masséra ruvè…
Meh, meh, meh
Mèh… mamma non c’è
è andata alla vigna
stasera torna…
Meh, meh, meh
swirl03

sempre con la bambina sulle ginocchia mentre la si dondola

Tirulittìrulittónna
mamma l’ha fatta tònna
tata l’ha fatta bella
a Maria ‘na ciammèlla
Tirulittìrulittónna
mamma l’ha fatta tonda
papà l’ha fatta bella
a Maria una ciambella
swirl03

filastrocca per insegnare a riconoscere le varie parti del viso

Chesta è la fronte bella
la récchia è la sorella
chistu è gli ucchittu bégli
i chistu è gli frategli
la vocca è la campana
gli naso è gli battocchi…
Questa è la fronte bella
l’ orecchia è la sorella
questo è l’ occhietto bello
e questo è il fratello
la bocca è la campana
il naso è il batacchio…
swirl03

cadenzata facendo sussultare il bambino sulle ginocchia

Tumuli tumulí a pra
i pórtamu gli sacco all’ara
i chi mu ci gli porta?
Cummaru Maria la zoppa.
I chi mu l’ha azzuppata?
Gli palu dulla porta.
Andò sta chigli palu?
Su gli ha portatu l’acqua.
Ando’ sta chell’acqua?
Su l’ha buuta la vacca.
Ando’ sta chélla vacca?
La simu scurticàta,
ci simo fattu le ciuciarèllu
lu simo misse a Pulcinèlla.
Pulcinella sta ‘n palazzu
cu nu libro sotto ‘m bracci,
cu ‘n’atro sotto agli culo,
i spara cauci accómmu a nu mulu
Tumuli tumulí a pra
E portami il sacco all’aia
e chi me lo porta?
Comare Maria la zoppa.
E chi me l’ ha azzoppata?
Il palo della porta.
Dove sta quel palo?
Se l’è portato l’acqua.
Dove sta quell’acqua?
Se l’è bevuta la vacca.
Dove sta quella vacca?
L’ abbiamo scorticata,
ne abbiamo fatte delle ciociette
le abbiamo messe a Pulcinèlla.
Pulcinella sta nel palazzo
con un libro sottobraccio,
con un altro sotto il culo,
e tira calci come un mulo
swirl03

swirl01
PER SGARBO O DISPETTO
swirl02

La gatta du San Giuagni
prima ridu i doppu piagni.
La gatta di San Giovanni
prima ride e dopo piange.
swirl03
A Napoli fau gli struffoli
a Roma gli uau a vénnu
so cazzacci gli ommini
cu su fau bacià dallu femmunu
A Napoli fanno gli struffoli (dolce napoletano)
a Roma vanno a venderli
non valgono nulla gli uomini
che si fanno baciare dalle donne .
swirl03
AEIOU
che sumaru cu si tu;
jé ca so bòna figliola
scrivu, lèggu, i vadu a scola;
tu fa l’arte du miccalassu
magni bivi i dormi a spassu;
jé fatico giornu i nottu
i m’abbusco tre pagnottu
tu ‘n té cèra né culuri
tu fa vécchí i nun t’assuri;
jé so rosa du coloritu
lèsto i prestu mu maritu.
AEIOU
che somaro che sei tu;
io che sono una brava figlia
scrivo, leggo, e vado a scuola;
tu fai l’arte di michelaccio
mangi bevi dormi e a spasso;
io fatico giorno e notte
e mi guadagno tre pagnotte
tu non hai cèra nè colori
invecchi e non ti sposi;
io sono di colorito roseo
in fretta e presto mi marito.
swirl03